Banner Mip

I nostri lavori

obe obe obe preparazione postazione mobile MIP

video Infogeo

Lingue disponibili

You are currently browsing the archives for the News category.

Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo e-mail:

Link

  • Link

  • Archive for the ‘News’ Category

    REMTECH 2013

    posted by Infogeo
    lunedì, settembre 30, 2013

    MiHPT Membrane Interface Hydraulic Profiling Tool

    posted by Infogeo
    domenica, agosto 11, 2013

    M.I.P. Linea gas riscaldata

    posted by Infogeo
    mercoledì, marzo 21, 2012

    Nuova linea del gas riscaldata

    Le metodologie per la misura della conducibilità elettrica dei terreni permettono di distinguere in modo più preciso e rapido rispetto ad altri metodi di sondaggio geologico, le zone sabbiose da quelle limose e argillose e quindi risultano una valida alternativa ai metodi tradizionali per la caratterizzazione idrostratigrafica dei depositi alluvionali.

    Questo sistema di indagine comporta i seguenti vantaggi:

    • minimo disturbo del terreno per i piccoli diametri dei fori di sondaggio (da 1,25’’ a 1,5’’);
    • dimensioni contenute dell’attrezzatura e quindi più semplicità nelle operazioni in campo;
    • i dati vengo rilevati direttamente in campo “Real Time”;

    Attrezzatura di misura
    Il sistema di misura della conducibilità elettrica è costituito essenzialmente da una batteria di aste da diam. 1”,25 (25 mm) alla cui estremità inferiore viene avvitato un sensore a punta conica GEOPROBE SC400, di lunghezza pari a 15’’ (circa 40 cm). Il sensore è collegato attraverso un cavo coassiale ad un sistema di acquisizione dei dati che li invia ad un computer portatile da campo per la loro visualizzazione in diretta.

    Figura 1: Sistema dell’attrezzatura per la misura della conducibilità elettrica EC

    A causa della bassa conducibilità dei terreni in generale l’unità di misura utilizzata è il millisiemens/m (mS/m) e in generale una bassa conducibilità indica terreni a granulometria grossolana quali sabbie e ghiaie mentre una più alta conducibilità è rappresentativa di terreni più fini quali limi e argille.
    Modalità esecutive

    Il sensore a punta conica viene infisso nel terreno mediante una batteria di aste fino alla profondità desiderata tramite una spinta a percussione ad alta frequenza (30 Hz) e martello idraulico in testa.

    Il sensore ha quattro elettrodi: nel sistema Schlumberger, utilizzato per l’indagine in oggetto, due elettrodi servono per inviare la corrente nel terreno e gli altri due servono per misurarne il voltaggio. La conducibilità è proporzionale al rapporto tra la corrente e il voltaggio.

    Questo sistema di misurazione è efficace anche quando il contatto tra il sensore e il terreno non è omogeneo e totale.

    Figura 2: Particolare del quadripolo di WENNER montato sulla punta.

    Come si vede dalla precedente Figura 1 la misura viene trasmessa, attraverso un cavo coassiale fatto passare dentro le aste cave, dal sensore ad un computer portatile da campo, che acquisisce e registra direttamente i dati misurati, ossia:

     conducibilità elettrica EC (mS/m);
     velocità di avanzamento ROP (m/min).

    Dalla curva dell’andamento della conducibilità elettrica in funzione della profondità è possibile determinare la stratigrafia del terreno: a determinati intervalli di conducibilità corrispondono determinate litologie.

    Misura di Conducibilità Idraulica (K)

    posted by infogeo
    giovedì, luglio 29, 2010

    Pneumatic Slug Test

    La metodologia applicata per la misura della conducibilità   idraulica è stata quella definita “Slug Test” con una particolarità molto importante che permette di non rimuovere o immettere uno Slug di acqua ma di sostituire queste operazioni problematiche in un sito potenzialmente contaminato con semplice aria compressa (ASTM D7242-06).

    Il sistema è costituito da una testa strumentata dotata di una serie di valvole e di un manometro che permette di visualizzare la pressurizzazione del sistema ed in particolare il grado di tenuta del sistema una volta isolato dalla sorgente di aria compressa.

    Particolare della testa utilizzata per il Pneumatic Slug Test

    Le prove PST sono state eseguite attraverso un filtro di tipo Johnson in acciaio inox (Screen Profiler SP15) utilizzato anche per i campionamenti delle acque e posato mediante un sistema di aste da 1.25” “Direct Push”. La misura della risalita dell’acqua viene effettuata direttamente all’interno delle aste con un trasduttore di pressione studiato per lavorare in piccoli diametri.

    Prima di eseguire il test è necessario effettuare un adeguato spurgo del filtro tramite una “check valve”.

    - Analisi dei risultati

    Per analizzare i dati registrati durante le diverse prove di Pneumatic Slug Test sono state fatte due assunzioni fondamentali (ASTMD5912-96): l’acquifero è stato considerato del tipo non confinato, parzialmente attraversato e il tipo di risposta della prova viene definita “overdamped” perché priva dell’oscillazione che si osserva durante la risalita dell’acqua negli acquiferi ad alta permeabilità, la cui risposta è invece definita “underdamped”
    .


    Aggiornamento M.I.P. “aprile 2010″

    posted by infogeo
    giovedì, aprile 15, 2010

    …finalmente disponibile:

    aggiornamento sistema MIP_ aprile 2010

    Infogeo ha adottato il nuovo sistema avanzato MIP che contempla tra le innumerevoli nuove funzioni i seguenti aggiornamenti:

    1) Ad ogni postazione (dove consentito) potranno essere associate le coordinate GPS del punto indagato per consentire una più rapida ricostruzione del modello di distribuzione della contaminazione in 2 e 3D.

    2) I vari LOG possono essere visualizzati su un laptop e da qui su un monitor di elevate dimensioni direttamente in campo per consentire una migliore interpretazione “in diretta” dei dati mano a mano che vengono rilevati dal sistema MIP.

    3) La stampa dei LOG in questo caso avviene direttamente alla fine di ogni LOG MIP.

    4) La punta è molto più robusta “rugged” delle precedenti consentendo anche una maggiore riparabilità in campo così riducendo i tempi di possibile fermo cantiere.

    5) La temperaturà della membrana è stata aumentata per poter essere mantenuta alta il più a lungo possibile anche in acqua consentendo una maggiore sensibilità in falda.

    Prova la Tecnologia MIP

    posted by infogeo
    giovedì, marzo 11, 2010

    RICHIEDI ANCHE TU UNA GIORNATA DI PROVA DI INDAGINE AMBIENTALE CON METODOLOGIA M.I.P.: compatibilmente con le Vs esigenze, Infogeo propone alla Clientela la possibilità di conoscere questa tecnologia innovativa “in campo” presso la ns sede così da poter apprezzare e valutare direttamente la possibilità di applicazione alle Vs commesse. Contattateci per qualsiasi info.  

    Fase di preparazione MIP

    chiavetta USB personalizzata

    posted by infogeo
    giovedì, febbraio 11, 2010

    Al termine di ogni attività consegniamo al Cliente tutta la documentazione annessa, non solo in formato cartaceo ma anche in supporto informatico. A questo scopo infogeo ha ordinato le chiavette USB personalizzate con il ns logo che verranno consegnate alla clientela insieme alla documentazione cartacea!

    chiavetta USB